“City speed turbines” di Alessandra Rapaccini

city speed turbines

Il progetto nasce dall’idea di creare un sistema modulare di turbine eoliche in grado di produrre energia grazie al movimento delle masse d’aria prodotte dal passaggio delle automobili. Questo sistema concepito come una sequenza di archi potrà essere inserito nei vari contesti urbani in modo molto flessibile e nel rispetto dell’ambiente.

L’energia da essa prodotta servirà ad alimentare le luci a led che si trovano all’interno della struttura ad arco per garantire l’illuminazione stradale notturna. L’energia meccanica derivante dallo spostamento d’aria generato dai veicoli viene recuperata dalle pale e convertita in energia elettrica attraverso un sistema di alternatori, viene quindi immagazzinata da un accumulatore che la distribuirà al sistema dell’illuminazione a basso consumo.

“L’inquinamento è sempre più presente nella nostra vita e nelle nostre città, e riconoscere nell’aria l’elemento fondamentale alla sopravvivenza, mi ha dato modo di riflettere più approfonditamente su questo argomento con un approccio creativo ed allo stesso tempo funzionale. – racconta Alessandra Rapaccini, laureata in Architettura presso la Prima Facoltà ”L. Quaroni” dell’Università di Roma “La Sapienza” – City speed turbines, sfrutta lo spostamento delle masse d’aria prodotte dal flusso veicolare per alimentare un sistema di illuminazione ad impatto zero, riducendo in questo modo la produzione di C02 e migliorando così la qualità dell’aria.” Ideale per alimentare la illuminazione giardino in parchi pubblici ed illuminazione stradale urbana in armonia con i design moderni della città.